Gli amici degli amici – U.S.A, ISIS, Daesh, Al-Qaeda…

Perchè Assad, appena prima della conferenza di Bruxelles e mentre sta vincendo battaglia dopo battaglia e riconquistando il territorio caduto in mano all’ISIS, avrebbe dovuto prendere la scellerata e assurda decisione di usare armi chimiche, mettendosi tutti contro e spianando la strada alla ritorsione che infatti puntualmente è avvenuta? La risposta è semplice: con tutta probabilità non l’ha fatto.

I dubbi sulla versione sbandierata da tutti i media – dell’attacco col gas su civili da parte dell’aviazione siriana – sono spuntati fin da subito, ma naturalmente non hanno avuto praticamente alcuno spazio. La Mogherini ha rapidamente – e ufficialmente –  “condannato” Assad attribuendogli la responsabilità per il massacro, quando ancora non c’era alcun riscontro. E naturalmente si sono accodati tutti, a cominciare da Netanyahu, per proseguire con i governanti europei in bell’ordine. Questo ha fornito la legittimazione morale preventiva per l’attacco USA alla base aerea siriana, che, guarda caso, è quella da cui partivano i raid contro le postazioni dell’ISIS e che adesso è completamente inattiva. E l’ISIS, grazie a questo, sta GIA’ riguadagnando terreno. Ricapitolando: Assad stava ottenendo grossi successi contro ISIS/Daesh, riconquistando posizione su posizione e ricacciandoli all’angolo. Arrivano i nostri e bombardano la base aerea. L’ISIS sospira di sollievo. Esattamente contro CHI stanno combattendo gli USA? E chi sono i loro alleati?

Per scendere nel dettaglio delle stranezze di questa ennesima false flag:

  1. i White Helmets che manipolano i cadaveri di presunte vittime del sarin senza guanti;
  2. il “dottore” (che risulta radiato dall’albo dei medici U.K.), praticamente unica fonte dei media, ha tempo di mandare tweet e di fare foto e video nel bel mezzo di una tremenda emergenza medica e si offre di videochiamare chiunque per “testimoniare” su quello che sta succedendo: evidentemente non ha altro da fare;
  3. Orient TV, in un tweet, annuncia che parlerà dell’attacco con armi chimiche… alcune ore prima che la notizia dell’attacco compaia;
  4. I pick-up che compaiono nelle foto in cui si vedono le vittime a terra sono molto simili a quelli usati una settimana fa da “Al-Qaeda” per rapire circa 250 civili dalla zona di Hama (che è pro-Assad);
  5. Secondo fonti locali molte delle vittime dell’attacco chimico sono state riconosciute e sono parte di quei 250 rapiti una settimana prima.

E mi pare che basti.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...