Bravo Renzi, evviva Sanremo… eh??

bravoRenzi-evvivaSanremoLeggo questo titolo sul manifesto, l’editoriale di oggi di Norma Rangeri, e ovviamente penso a uno scherzo, a un titolo ironico.

E invece no.

Il presidente del consiglio ieri ha replicato con fermezza all’invasione di campo del cardinal Bagnasco, il presidente della Cei che a nome dei vescovi italiani si è seduto sullo scranno della seconda carica dello stato spiegando che la legge Cirinnà andrebbe votata a scrutinio segreto. «Il voto segreto lo decide il parlamento e non la Cei, lo dico con stima per il cardinal Bagnasco. A me piacerebbe molto l’idea che un parlamentare risponde del voto che dà e lo spiega», è la replica di Renzi.

La direttora fa pat pat sulla spalla di Renzi perchè ha detto a Bagnasco (in modo a dire il vero molto timido) di stare al posto suo, come se Renzi non fosse avvezzo a sparate di qualsiasi genere, come se non fosse ormai accertato che quando dice una cosa ne fa un’altra, di solito l’opposto, come se non si fosse già ampiamente dimostrato il politico più falso e bugiardo – dati alla mano – che l’Italia ha mai avuto. Come se qualsiasi cosa Renzi dice possa ormai avere davvero importanza. E, soprattutto, come se qualsiasi cosa gli si dice possa influenzare la sua linea di condotta. Come se, insomma, a Renzi possa importare qualcosa se al manifesto lo lodano o lo insultano (stizza da lesa maestà a parte). “Ingenuo” è l’aggettivo più tenero che mi viene in mente per questo pezzo.

La parte su Sanremo fa quasi altrettanta tristezza: qualche fiocco arcobaleno che si vede qua e là basta alla Rangeri per intenerirsi e sparare una roba così:

Forse McLuhan non sarebbe d’accordo, ma questa volta il messaggio alla fine l’ha spuntata sul mezzo. Non poteva esserci segno più evidente di quanto il sentimento popolare abbia poco a che vedere con porpore e Family day.

Il messaggio non la spunta mai sul mezzo. Il mezzo è il messaggio, sempre, e  in questo caso particolare il messaggio è: “Siccome si vedono i fiocchetti arcobaleno a Sanremo, allora i fiocchetti arcobaleno sono legittimati e che bello allora noi italiani siamo brava gente”. E infatti prosegue identificando il sentimento popolare con quello che la tv decide di permettere che si veda, ovvero le timide, marginali, autoassolutorie manifestazioni di solidarietà da parte di una classe di privilegiati – altro che popolo – chiusa in una bolla di irrealtà quale è Sanremo.

Mah, forse ho frainteso e questo era davvero un pezzo ironico. Non può che essere ironico. Davvero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...