Stupro di gruppo

[Quello che segue e’ solo una parte di un lungo articolo di Giuseppe Genna su carmillaonline. I grassetti sono miei. L’articolo e’ dell’8 febbraio; nel frattempo Eluana e’ morta e lo scempio sul suo corpo – sul suo cadavere – continua, dando una connotazione ancora piu’ cupa, funebre, nera – in piu’ di un’accezione – alle manovre di questo governo. L’immagine e’ di Betty Moore, di cui consiglio l’acidissimo e giustamente incazzato post]

malvestita_pro_lifebLo stupro politico
Ciò che sta avvenendo in queste ore già definite drammatiche per l’Italia: è un colpo di Stato, o perlomeno una discontinuità, un evento politico che chiude la parentesi iniziatasi nel 1992/93.
Fino a venerdì, quando ha deciso lo strappo istituzionale più grave della storia della Repubblica, il premier Berlusconi aveva enunciato una sua posizione personale sul caso Englaro (già questa oscenità giornalistica andrebbe ricondotta a silenzio: “il caso Englaro”, “il caso Cogne”, “il caso Meredith” – questa morbosità spalmata sui lobi cerebrali della nazione, che se li fa spalmare volentieri…). La posizione del premier Berlusconi era di totale incertezza, di solidarietà con Beppino Englaro, di empatia con l’ambiguità terribile del momento e della scelta. Confesso che le sue dichiarazioni umane, discrete, finite per una volta in minimi trafiletti e non in obbrobriose paginate, costituiscono per me l’unico momento, in quasi un ventennio, in cui Silvio Berlusconi mi è parso umanamente comprensibile, tremulo – e quindi virtuoso. La sensazione di simpatia non ha avuto il tempo di durare.
Il premier ha scelto di muoversi politicamente sfruttando il corpo privo di coscienza di Eluana Englaro: ha, cioè, scelto di muoversi antipoliticamente. Ha sfruttato l’emotività amplificata dai media intorno al corpo di Eluana Englaro per scatenare la tempesta perfetta di una lacerante mossa di scacchi: la mossa di fare saltare la scacchiera tutta della politica, intesa nell’accezione istituzionale.
Non fosse chiaro quanto è successo, tento di riassumerne i momenti cardinali e le motivazioni sottaciute, enunciate invece alla nazione con spudoratezza mussoliniana, come ricorda il fondo di Eugenio Scalfari su La Repubblica di oggi:
– Improvvisamente, mutando opinione e rompendo la discrezione che aveva mantenuto fino a quel momento, Berlusconi convoca il consiglio dei ministri affinché emani un decreto legge di applicazione immediata per interrompere il protocollo che porterà il corpo incosciente di Eluana a una morte naturale. Il decreto legge è uno strumento straordinario e, in quanto tale, deve essere approvato dal Presidente della Repubblica, poiché esso scavalca, per presupposti di urgenza ma anche di opportunità, il lavoro del Parlamento. Prima di emettere un decreto legge, che cioè diventa legge dello Stato senza essere votato dai rappresentanti del popolo, esistono contatti con la Presidenza dello Stato, onde evitare conflitti ai più alti livelli istituzionali. Tali contatti, parzialmente riservati, hanno al proprio centro il parere del Capo dello Stato: il quale, rispetto al decreto legge in questione, avanza le sue perplessità di anticostituzionalità e anticipa in una lettera privata, indirizzata al premier, che non firmerà il decreto in questione.
Questo è il momento in cui, sfruttando lo stato emotivo confusionale del Paese, Berlusconi decide di compiere la sua istantanea, fulminea marcia su Roma: al di fuori da ogni protocollo, rende pubblica e commenta, con un’interpretazione assolutamente deviante, la lettera inviatagli da Napolitano. Attraverso negazione, evoca l’improponibile spettro dell’impeachment nei confronti del Capo dello Stato. Non può più fare il decreto legge, passerà per il Parlamento: in tre giorni la legge sarà fatta – l’arco di tempo in cui il Cristo ci mise a risorgere, secondo i credenti.
– La ragione centrale di un’eventuale discussione parlamentare, che viene relegata sullo sfondo e dimenticata, è che si tratta di materia complessa eticamente e dunque politicamente, già al vaglio delle Commissioni e in discussione alle Camere: si tratta di stabilire una regolamentazione della materia che si riassume come “testamento biologico”. Da questo momento, il Parlamento, composto da una maggioranza che obbedisce soldatescamente alle disposizioni del premier voluto dagli italiani, è esentato da quel dibattito complesso e decisivo, che viene stracciato, abbandonato, silenziato. Si voterà il decreto legge urgentemente.
Questo è il momento in cui, secondo le categorie classiche, la democrazia si trasforma in demagogia: si attua uno stupro nei confronti della democrazia. La Repubblica è stuprata.
– In pari tempo, e del tutto coerentemente, il premier non smette di attaccare il Capo dello Stato e arriva a mettere in discussione una Costituzione che è riconosciutamente un modello di equilibratezza. Lo fa con due argomenti: la Costituzione gli limita i poteri, perché se lui vuole decidere con urgenza e non convocare le Camere, vuole poterlo fare e la Costituzione invece gli mette i bastoni tra le ruote, regolamentando i processi attuativi, riportandoli nella logica saggia e democratica del contrappeso tra poteri, impedendo così una deriva da caudillo al governo dell’Italia; il secondo argomento, tutto mediatico, giocato sulla menzogna storica, è che la Costituzione sarebbe stata influenzata da padri fondatori ideologizzati, in particolare da comunisti che guardavano all’Unione Sovietica, e, nel condizionamento mediale che va avanti per slogan a effetto, ciò viene espresso con la sintesi che “La Costituzione è filosovietica”, il che fa saltare le premesse di ogni plausibile sillogismo, agendo sulla componente irrazionale di metà di un popolo che tale non è mai diventato. Poiché la Costituzione sarebbe vecchia e comunista (quando è invece modernissima, presa a esempio da altre nazioni, e fu elaborata proprio prescindendo dai possibili ideologismi del tempo, che ne avrebbero condizionato la durata e la validità, secondo tutte le testimonianze storiche che sono pubblicamente consultabili), Berlusconi annuncia che vuole riformare la Costituzione, avendo tuttavia giurato su di essa. E’ il rischio che si paventava da anni e che si realizza ora, sfruttando il corpo e il sangue di Eluana Englaro come un’occasione disumana per realizzare un progetto politico che data da lungo tempo.
– Messo all’angolo il Capo dello Stato, approfittando di un’opposizione incapace di schierare masse che appunto si oppongano a una decisione e un proposito di inaudita gravità, cavalcando l’assenza di percezione collettiva rispetto al baratro in cui viene di colpo a trovarsi la Repubblica, Berlusconi salda un’indegna allenza con il Vaticano, ben al di là dei Patti che governano i rapporti tra i due Stati. La chiesa cattolica, per bocca dei suoi esponenti e per atti mediatici dei suoi sostenitori più integralisti, sulla vita artificiale di Eluana Englaro ha montato una deriva mediatica di inarginabile potenza. La politicizzazione della chiesa cattolica è esplicita, al di là delle ragioni morali che saranno qui sotto discusse. E’ un debordare delle politiche vaticane al di là dei confini statuali, è una metastasi ideologica che, se di per sé si pone come anti-liberista, va a congiungersi con la componente politica italiana più liberista della storia repubblicana. E’ un pressing che era garantito da quello che Pasolini definiva “clerico-fascismo” nei decenni andati, e che oggi si ripresenta geneticamente mutato: la chiesa cattolica si allea con un premier massone (una volta iniziati alla massoneria, si resta massoni a vita), a un gruppo di divorziati che partecipano al Family-Day, a una componente tecnocratica della vita politica di uno Stato laico ed estero. A questa chiesa cattolica, il premier risponde “sì”: non mistiche nozze. Si dà una giunzione di nuova specie, per nulla corrispondente al sondabile legame che strinse la stessa chiesa alla DC nel corso della Prima Repubblica.
– Berlusconi utilizza una pressione personale e mediatica sul corpo e il sangue di Eluana Englaro e addirittura sul padre di lei. Afferma cose gravissime, infondate dal punto di vista clinico, raccapriccianti per qualunque popolazione: “Potrebbe avere un figlio”, evocando propriamente lo stupro necrofilo di un film di Almodovar o di Tarantino e, al contempo, una concezione dei diritti della donna che viene sottesa non tanto subliminalmente, e che dovrebbe portare immediatamente in piazza la metà femminile e la parte maschile libertaria di questo Paese, per protestare. “Ha il ciclo mestruale” rincara il premier con modalità che valicano lo splatter. Enuncia giudizi insostenibili sul padre di Eluana Englaro e subito a Udine appare la scritta “Peppino boia”. Una vedova di Nassirya dice che Eluana Englaro sorride e non è vero. Il neurologo Giuliano Dolce assicura che Eluana Englaro è in grado di deglutire e non è vero. Il premier, in pratica, mette in moto l’oscenità della disinformazione su larga scala. Sfrutta l’emotività come ogni populismo che corra dritto verso la legittimazione di una dittatura ha fatto.
La verità è stuprata.
Con il decreto legge, il premier avrebbe reso vana una sentenza della Magistratura, potere che per Costituzione è indipendente dall’Esecutivo. E’ un tema che accompagna dal 1992-93 la vita politica di Berlusconi. La Magistratura controllata dal governo è uno dei capisaldi del Piano di Rinascita Democratica elaborato da Licio Gelli, gran maestro della loggia eversiva P2. Punto per punto, Berlusconi ha realizzato in quindici anni quel piano. Si trova all’ultimo ostacolo: rendere vani i contrappesi istituzionali, arrivare a un presidenzialismo che, di fatto, è una dittatura solo apparentemente morbida. Ciò che è osceno è che questo allucinante progetto politico non passi al vaglio delle coscienze democratiche, ma venga inaugurato con un tragico strappo di potere che fa perno sul corpo e sul sangue di Eluana Englaro.

4 thoughts on “Stupro di gruppo”

  1. La sua agonia durata 17 anni è finita in poco più di 48 ore, con l’azzeramento totale dell’alimentazione artificiale che teneva la sua vita appesa ad un sottilissimo filo.

    Le voci che in questi giorni hanno gridato, assumendo diverse posizioni su questa vicenda, ora non gridano più. In Senato la seduta convocata per tentare di ripristinare la terapia per Eluana è stata sospesa e si sono tenuti alcuni minuti di silenzio.

    La politica italiana adesso, così come tutta la società, è chiamata a fermarsi e a pensare.

    La sua vita e soprattutto la sua morte purtroppo lasceranno un segno indelebile nel nostro Paese…la strumentalizzazione sicuramente è stata esagerata, ma gli interrogativi che ha posto questa vicenda sicuramente rimarranno per molto tempo irrisolti e discussi.

    Di errori ne sono stati compiuti molti credo. Adesso però non è tempo di polemiche e non è tempo di accuse.

    E’ tempo di pregare per Eluana..per la sua vita che si è conclusa in questa maniera..e anche per i suoi genitori.

  2. Berlusconi ormai è fuori di testa…Ancora più fuori son gli italiani che votano un mostro tale di ipocrisia. Che vergogna
    ps e mentre Fede si dà alla pura pornografia parlando di Englaro su canale 5 rete del premier va in onda il grande fratello. Record di ascolti…più ipocrita di così…

  3. E vedrai che dopo tutta questa oscena danza macabra attorno alla vicenda della povera Eluana Englaro, al clamore autoassolutorio del decreto legge urgente per salvarle la vita , nessuno si prenderà più la briga di porre in primo piano l’urgenza di una legislazione sul testamento biologico. E’ brutto constatare che una morte e una battaglia civile e compiuta sotto la luce del sole, come quella del padre di questa donna sfortunata, siano state invano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...