Amaro calice

Federico ha scritto un post limpido e feroce sulla prossima visita del papa a Cagliari, post che sottoscrivo fino all’ultima virgola. Qualche piccolo stralcio, ma leggetelo tutto, perche’ merita:

Il Vaticano, unica monarchia assoluta superstite in Europa, possiede un patrimonio economico incommensurabile (…) Ma non ha i soldi per due palchi e quattro transenne.

E allora si batte cassa alla Regione:

l’Arcivescovo di Cagliari ha segnalato la necessità di un ulteriore sostegno finanziario a favore della Diocesi di Cagliari in occasione della visita del Papa Benedetto XVI in Sardegna.

In totale, un milione e quattrocentomila euro.

In piu’, un calice d’oro da un chilo e mezzo, tempestato di pietre preziose, come “dono” al prezioso ospite:

un gioiello unico […] il Calice dei Sardi […] stupendo calice che esprime il lavoro e la fatica di tutti i minatori di sempre”.

E per celebrare “il lavoro e la fatica di tutti i minatori di sempre” regalano un chilo e mezzo di calice d’oro a un tizio che non ne ha alcun bisogno, che vive nel lusso piu’ sfacciato e che fa pagare agli italiani le sue trasferte. E magari le famiglie di quei minatori andranno pure ad acclamarlo.

Poi dicono che uno non dovrebbe bestemmiare.

9 thoughts on “Amaro calice”

  1. io non bestemmio mai nemmeno per cose più grosse. E’ un problema di educazione. Se Cagliari vuole fare un dono al Pontefice è cosa loro, in fin dei conti i soldi spesi sono suoi. Decideranno gli elettori sardi …

  2. lexdc, era una battuta, io in genere non bestemmio. Ma se proprio vogliamo parlarne, io l’educazione ce la metto quando la cosa e’ reciproca. Se i cattolici si sentono offesi da una bestemmia, io mi sento MOLTO offesa dai loro – del vaticano – tentativi di ingerirsi nella politica italiana e di far diventare reato cio’ che e’ peccato, cioe’ di proibire a tutti, qualunque sia la loro fede/non fede, di fare cio’ che’ il loro dio ha proibito A LORO.
    Non credo che “Cagliari” abbia voluto fare il prezioso, inutile e sfacciatamente lussuoso regalo al pontefice: bisognerebbe chiederlo ai cagliaritani, appunto. Io qualche sardo lo conosco, e non era molto contento… per usare un eufemismo. Quanto al fatto che decideranno gli elettori, mi auguro che in sede di elezione se lo ricordino. Ma la memoria collettiva diventa sempre piu’ labile e breve…

  3. Forse sarebbe stato più appropriato chiamarlo “Il Calice dei Sardi Incazzati”, comunque se ci mettiamo tutti insieme, con molta buona volontà, creatività ed immaginazione, con l’ aiuto di internet, un po’ di fortuna ed un briciolo di intervento divino forse, e dico forse, un vero lavoro onesto per il Papa potremmo anche riuscire a trovarlo…

    Per farti passare la sacrosanta incazzatura ti propongo una innocente bestemmia virtuale:
    su questo sito
    le scritte da aggiungere sopra mi hanno fatto spetasciare dalle risate! :)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...