Oblio

Li’ per li’, coi risultati ancora caldi, ci avevo riflettuto per un po’, poi, chissa’ perche’, me ne ero dimenticata.

Oggi, mentre lavavo i piatti, di colpo mi e’ tornato in mente: dove sono finiti i risultati delle schede bianche e nulle?

Perche’ mica si trovano, eh. Magari sono scema io, ma non sono stata in grado di trovare alcun sito che, assieme alle cifre tratte dallo spoglio delle schede regolarmente votate, riportasse anche i dati di bianche e nulle. Solo qualche sito locale, qualche comune qua e la’. Nessun dato aggregato, nemmeno sul sito del Ministero dell’Interno. Non c’e’ modo di sapere in quanti abbiano votato scheda bianca o annullato, come si sia distribuito il voto nullo, dove si sia concentrato di piu’ (nelle regioni “rosse”, sospetto, ma come appurarlo?). Alle scorse elezioni, al contrario, le schede bianche erano diventate protagoniste (causa calo improvviso in tutte le circoscrizioni e conseguenti sospetti su brogli di varia natura, mirabilmente illustrati nel film di Deaglio Uccidete la democrazia”); e lo stesso prossimo capo del governo non molto tempo fa aveva paventato un utilizzo non proprio limpido delle schede bianche da parte degli avversari politici.

A me non pare mica tanto normale, ecco. Cosi’ come non mi pare molto normale che quasi nessuno se ne sia accorto o l’abbia fatto notare o abbia protestato per questa lacuna ingiustificabile. Come se, una volta terminata l’indigestione elettorale e incassato il colpo, tutti volessero dimenticarsene al piu’ presto. E come se proprio questo fosse il momento giusto per abbassare la guardia.

Ma la cosa che mi turba di piu’ e’ che anch’io me ne sono dimenticata per piu’ di una settimana. E si’ che ci avevo anche pensato, alla possibile gestione mediatica di un eventuale aumento dei voti nulli. L’hanno gestita ancor meglio, ben oltre i miei timori: li hanno fatti sparire. Anche dalla nostra testa.

P.s.: Ok, sono scema io. Pape mi fa notare che c’e’ uno stringatissimo pdf proprio nel link che ho inserito nel post, che riporta i dati aggregati per il “territorio nazionale” (quindi immagino che le circoscrizioni estere non siano comprese). Nemmeno i dati regionali. E comunque anche solo da qui si vede che i voti nulli sono il doppio delle schede bianche. E che dal 2006 sono aumentati. E che, soprattutto, le schede bianche sono all’incirca quelle del 2006, cioe’ – come ricordavo sopra – in caduta verticale rispetto a tutte le elezioni precedenti. A questo punto consiglio caldamente la visione del film di Deaglio, che potrebbe avere ancora qualcosa da dire…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...