Ideologico quotidiano

Ci sono alcune cosette che in questi giorni d’agosto mi hanno sconcertato tanticchia. Roba da poco, eh; ma di quelle cose che resti li’ cosi’ :-O e non sai che pensare.

La prima e’ abbastanza innocua, solo un segno dei tempi tra i tanti, un titolo del Messaggero online che dice: “La signora veste in rosa? Vuole una storia bollente”. Che poi uno va a leggere l’articolo, arriva in fondo e dice “embe’?”. Perche’ l’articolo con il titolo non c’entra una beata cippa. Provare per credere. Si tratta di un sedicente studio scientifico, in se’ abbastanza stupidotto, sulla predilezione delle donne per il colore rosa; ma niente a che fare con la signora che veste in rosa e che vuole storie bollenti. Puro trolling redazionale. Pero’, se c’e’ qualche titolista che pensa di poter pescare cosi’, significa che esistono pesci che a queste esche abboccano.

La seconda roba da :-O e’ questa: un 17enne beccato ad appiccare il fuoco sul Gargano, in un momento di grande emergenza incendi, che ha spiegato il suo gesto dicendo “Lo fanno tutti, volevo provarne anch’io l’emozione”. Questo ragazzetto l’anno prossimo avra’ diritto di voto. Vorrei poter pensare che si tratta di un caso isolatissimo di anomia etica, ma temo non sia cosi’.

Infine, un caso all’apparenza solo lievemente ridicolo, ma che a mio avviso sintetizza in modo mirabile quel percorso di perdita dei valori di cui si era discusso qua e la’ in passato. Mi riferisco a quel bizzarro personaggio che ha deciso di fare lo sciopero della fame per andare sull’Isola dei Famosi.

Ripeto: lo sciopero della fame per essere ammesso all’Isola dei Famosi.

Lo sciopero della fame e’ (beh, era…) un antico strumento di lotta pacifica che aveva lo scopo di attirare l’attenzione su importanti questioni politiche e sociali; e piu’ volte questa estrema forma di protesta ha portato alla morte chi ha deciso di attuarla. Per queste persone la propria vita valeva meno del messaggio che volevano lanciare, dell’ideale per cui lottavano; ed erano pronti a morire davvero per essi.

Ora arriva questo qui che fa lo sciopero della fame per partecipare a un programma tv. Non si tratta solo del gesto stupido e fortemente mediatico di un maghetto in cerca di notorieta, non e’ cosi’; perche’ certe cose si cristallizzano nell’immaginario collettivo, svalutando retroattivamente secoli di storia di lotte sociali. Che lui lo abbia capito o no – e temo di no – questo e’ un insulto alla memoria di tutti coloro che scambiarono la propria vita con la possibilita’ di lanciare un messaggio al mondo (e, che si creda o meno alla bonta’ di questo genere di lotta, bisogna comunque ammettere che ben pochi sono disposti a giocarsi la pelle per un ideale).

Gia’ Pannella ci aveva messo del suo, per far perdere dignita’ a questa cosa. E ci scommetto, la prossima volta che iniziera’ uno sciopero’ della fame, ci sara’ qualcuno che gli chiedera’ se per caso vuole partecipare anche lui a qualche programma tv. Un giusto contrappasso, non c’e’ che dire.

[L'”Ideologico quotidiano” e’ spudoratamente rubato al sottotitolo della trasmissione di radiopopolare “La caccia”, di cui consiglio di leggere la presentazione]

6 thoughts on “Ideologico quotidiano”

  1. Non sono d’accordo che Pannella abbia contribuito a far perdere dignità all’uso dello sciopero della fame. Mi pare che le motivazioni per le quali vi è ricorso non fossero affatto futili.

  2. Caro U., Pannella è l’erde politico di Gandhi del quale ha seguito le tecniche politiche tra cui lo sciopero della fame. Non vedo come possa essere imputato di “togliere dignità” allo sciopero della fame. Gandhi ( e così Pannella) usava questo strumento seguendo regole precise.
    Lo sciopero della fame viene fatto solo per far rispettare una legge esistente ma che non viene applicata.
    Quando invece una legge, benché legittima, non viene considerata giusta allora si può far ricorso alla disobbedienza civile che consiste nel trasgredire quella legge autodenunciandosi alle forze dell’ordine.
    Pannella ha sempre usato in questo modo questi strumenti.
    ” Gia’ Pannella ci aveva messo del suo, per far perdere dignita’ a questa cosa….” Che cazzo significa?

  3. Significa semplicemente che ne ha abusato, facendolo diventare, agli occhi della popolazione, quasi una barzelletta. Prova ad osservare la reazione della maggioranza degli italiani alla notizia “Pannella ha iniziato un nuovo sciopero della fame”…

    Curioso, comunque: due commenti dissenzienti e tutti e due dallo stesso IP. IP che peraltro ha una storia di “tirate d’orecchi” su wikipedia… Ammetto pero’ che potrebbe trattarsi di un caso, se e’ un IP dinamico.

    Uno dei due commenti proviene da un attivista radicale che ha gia’ partecipato a scioperi della fame “a staffetta”. Ora, io mi chiedo: anche i radicali hanno lo staff setaccia-internet alla ricerca di voci dissenzienti? Perche’ non ci credo proprio che tu sia/siate capitati da queste parti per caso: il post e’ stato indicizzato da Google e si trova incrociando “sciopero della fame” e “Pannella”, ma non sta nelle prime pagine e non e’ affatto facile trovarlo “per caso”. Che poi Pannella l’ho soltanto nominato, il contenuto del post e’ altro (contenuto che e’ stato ignorato, e questo nonostante me la prendessi proprio contro chi volgarizza questo strumento di opposizione sociale). Era proprio necessaria questa goffa excusatio non petita?

  4. In due settimane di vita quasi da isoladeifamosi (!), avevo beatamente dimenticato i problemi che affliggono l’umanità, dal rosa alle comparsate in tivvù… confermo, spietrare e zappare, e senza tv nei dintorni, fa bene allo spirito, e potrebbe funzionare persino per il giovane idiota del gargano e per il maghetto a digiuno.

  5. uaz, noto tra l’altro che stai conquistando il mondo!! hai lettori dalla siberia alla terra del fuoco! /me invidiosisssssima!!!

  6. Pape, bentornata!!! ^_^
    Si, penso che spietrare e zappare servirebbe, per i soggetti in questione (io ci metterei anche il titolista del Messaggero…).
    Quanto ai lettori esotici, mi piacerebbe sapere come ci sono capitati, qui, e soprattutto cosa ci capisce un cinese o un pakistano di quello che scrivo io. °_°

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...