Grunt.

Nel bailamme scatenato anche in rete dalla crisi di governo c’e’ di che perdersi.

Segnalo un paio di articoli: questo di Miguel, che la prende in ridere (vedi anche commento #25 di AnDrEa), e questo di FalceMartello che fa le pulci alla sinistra e in particolare al Prc.

Posso solo aggiungere che la manovra di D’Alema (e quel che ne e’ seguito) mi sembra alquanto sospetta; e che quasi quasi mi fido piu’ del nano che di lui. Almeno e’ piu’ lineare, si sa che fa i propri interessi.

Update:

Avevo un sospetto, che non avevo scritto per tema di passare da complottista; ma sembra che non lo fossi poi tanto.

Partendo dal presupposto che D’Alema e’ una vecchia volpe della politica e che non spara a casaccio, ma sa sempre dove vuole andare a parare, la sua uscita al vertice di Ibiza non poteva essere casuale. E se non ci fosse stata quell’infelice dichiarazione, non avremmo avuto un governo dimissionario (perche’ sul decreto per il rifinanziamento della missione in Afghanistan non era stata messa la fiducia; e sta a vedere che ogni volta che un governo va sotto nelle votazioni, deve dimettersi…).

Ora, a cosa poteva servire questa improvvisa crisi? Due grosse questioni erano in ballo, questioni sulle quali c’era parecchia frizione con la base elettorale del governo stesso: la base americana a Vicenza e la famigerata questione dei “dico”; entrambe fonte di grande imbarazzo per il governo, perche’ riguardanti l’una le relazioni con gli USA, l’altra i rapporti con la Chiesa. Le pressioni di quest’ultima le abbiamo viste tutti, quelle degli amici americani forse non ce le hanno fatte vedere, ma non dubito che ci siano state.

Ebbene, il mio sospetto da complottista verteva proprio su questi due punti, piu’ o meno in questi termini: “Questa provvidenziale crisi puo’ far si’ che si allenti l’attenzione sulla base USA e che per qualche gabola burocratica i lavori possano gia’ iniziare? e puo’ servire a bloccare in qualche modo l’iter dei dico?”. Alla prima domanda non ho ancora una risposta, ma per quanto riguarda la seconda forse si: e’ notizia fresca fresca: “Dodici sono i punti per la ripresa dell’attivita’ di governo stabiliti nel documento uscito dal vertice dei leader dell’Unione riunito con Prodi a palazzo Chigi approvato dai leader della maggioranza.” Tra questi punti i dico non ci sono.

3 thoughts on “Grunt.”

  1. Ho letto anche che entro oggi si doveva convertire in legge il decreto Bersani (ma non ho trovato conferma). E gratta gratta c’è anche la storia del compenso di pippo baudo.
    Però è il mito di D’alema vecchia volpe che è secondo me ingigantito. Già una volta, da presidente del consiglio, si è giocato tutto il piatto e ha perso.

  2. Grunt, mi ha tagliato un pezzo di commento.
    Dicevo che la faccenda dei compensi a Baudo & compagnia cantante (e non) e’ una roba indegna. Col governo che crolla, questi pensano a Sanremo…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...